Giornata mondiale del rifugiato, il pranzo alla mensa Caritas

Anche la Caritas di Roma scende in campo per la Giornata mondiale del rifugiato in programma mercoledì 20 giugno. Lo fa, la prossima settimana, attraverso due importanti iniziative: un pranzo alla mensa della Stazione Termini e la festa interculturale a Villa Leopardi.

Il pranzo in comune con migranti e rifugiati alla mensa della Caritas di Roma si svolgerà il 19 giugno, nell’ambito della “Global week of action” la Settimana globale di azione della Campagna mondiale della Caritas “Share the journey – Condividi il viaggio”.

Oltre alle testimonianze di migranti, rifugiati e di una famiglia che li accoglie in casa, interverranno anche monsignor Enrico Feroci, direttore della Caritas di Roma, Michel Roy, direttore di Caritas internationalis, Oliviero Forti, responsabile dell’area immigrazione di Caritas italiana e Laura Baldassarre, assessore alla Persona, Scuola e Comunità solidale di Roma Capitale.

Rifugiati, la festa interculturale

Sempre in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, sabato 23 giugno la Caritas di Roma organizza una festa interculturale insieme all’Associazione “Amici di Villa Leopardi” che ogni sabato mattina promuove, con una decina di migranti ospiti delle strutture diffuse della Caritas, la pulizia del parco Villa Leopardi nel II Municipio.

A prendervi parte i cittadini e i richiedenti e titolari di protezione internazionale ospitati presso le strutture di accoglienza diffusa gestite dalla Caritas di Roma.

“La festa – fanno sapere dalla Caritas diocesana – è espressione della relazione virtuosa che è andata costruendosi tra i migranti/rifugiati ed il territorio grazie a due anni di attività di volontariato nella cura del verde pubblico, svolta dagli ospiti stranieri delle parrocchie e degli istituti religiosi di Roma insieme ai cittadini italiani”.

“Welcoming integration”

Non solo dalla Caritas. La Giornata mondiale del rifugiato sarà celebrata anche da “Casa Scalabrini 634”. Il prossimo 16 giugno, in occasione del terzo anniversario del programma dell’Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo (ASCS Onlus) in Via Casilina 634, sarà lanciata a Roma “Welcoming Integration”. Si tratta di una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi al fine di rafforzare le attività già esistenti, sulla scia dei quattro verbi indicati da Papa Francesco come pilastri delle azioni della Chiesa nei confronti di migranti e rifugiati: accogliere, proteggere, promuovere e integrare.

Monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, celebrerà la Messa a Casa Scalabrini 634 alle 18. “Dal 2015 ad oggi abbiamo accolto oltre 120 rifugiati, di cui 90 hanno già completato il loro percorso verso la piena autonomia, pur rimanendo coinvolti nella attività della Casa” afferma fratel Gioacchino Campese, scalabriniano e direttore generale di ‘Casa Scalabrini 634’. “Con un progetto di sensibilizzazione sulla mobilità umana abbiamo raggiunto oltre 6.000 bambini, giovani e adulti”.