Don Sigurani ogni giorno offre il pranzo ai poveri nella basilica di sant’Eustachio. I ristoratori Poveri Lateranensema anche il salumiere e il fornaio “ci danno il pane, o quando mi serve il formaggio, la ricotta”. Ma questa volta sarà diverso. Saranno i poveri a decidere cosa mangiare.

“Diamo un piccolo contributo a questi signori che non se la passano bene” ha spiegato Emilio, titolare di un ristorante. “Potranno ordinare alla carta quello che vogliono”, ha aggiunto un altro ristoratore, e “si siederanno dove vogliono senza nessun problema”. “Domenica una decina di persona verranno a mangiare qui da noi”, ha dichiarato un’altra ristoratrice sottolineando che “sarà un piacere ospitarle in un’occasione così speciale”.