giovedì , 23 novembre 2017
Papa Roma Diocesi Santa Maria

“Gesù semina la pace”: la visita del Papa a San Michele Arcangelo

Una sosta a sorpresa nel campo nomadi di Ponte Mammolo e poi l’arrivo alla parrocchia San Michele Arcangelo a Pietralata. E’ iniziata in questo modo la prima visita pastorale del 2015 del Santo Padre in una parrocchia romana. Il pontefice ha trovato ad accoglierlo, tra gli altri, il cardinale vicario di Roma Agostino Vallini, e il vescovo ausiliare per il settore nord Guerino Di Tora, che prenderanno parte alla messa in programma alle 18. Nel corso della sua visita Francesco ha incontrato malati, i clochard assistiti dalla Comunità di Sant’Egidio, i bambini battezzati durante l’anno e i loro genitori, e un gruppo di scout
Prima di entrare nella canonica si è intrattenuto a salutare alcuni malati e gruppi di fedeli e si è concesso a coloro che lo avvicinavano per un ‘selfie’. Ai bambini del catechismo ha ricordato di non odiare: “Oggi ci sono guerre in Ucraina, in Africa perché c’è l’odio. E chi semina l’odio? Gesù? No, Gesù semina la pace, l’amore. Quando voi sentite nel cuore odio, gelosie, invidie, state attenti, perché questo viene dal diavolo”.
La parrocchia, alla periferia di Roma, è la stessa dove il 25 dicembre 1963 papa Paolo VI decise di celebrare la messa di Natale e dove, nel novembre del 1991, fu in visita anche papa Giovanni Paolo II. Entrando invece nei locali della parrocchia, accompagnato dal cardinale vicario Agostino Vallini e dal parroco mons. Aristide Sana, il pontefice ha scherzato su quanti gli scattavano fotografie da dietro le grate delle finestre: “Ah, i fratelli carcerati!”. Nell’omelia durante la messa, che è iniziata subito dopo le ore 18, papa Francesco ha ricordato: “Tutti noi abbiamo ferite spirituali, peccati, inimicizie, gelosie, non salutiamo qualcuno perché ci ha fatto qualcosa, ciò deve essere guarito, e bisogna pregare perché Gesù le guarisca. Lui è l’unico che può farlo. Voi ascoltate Gesù o preferite ascoltare altro, le chiacchiere della gente, le storie? Gesù – ammonisce il pontefice – non parla in un canale tv ma nel Vangelo. Per questo dovete cercare la sua parola nel Vangelo, portandolo sempre con voi”

Check Also

Giornata dei poveri, Papa: “Per il cielo non vale ciò che si ha, ma ciò che si dà”

Giornata mondiale dei poveri. Siamo “talentuosi” agli occhi di Dio “Tutti siamo mendicanti dell’essenziale, dell’amore di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X