Fontane di interesse storico, divieti di bivacco e consumo: multe fino a 240 euro

Un’ordinanza per la salvaguardia delle fontane di interesse storico, artistico archeologico di Roma. L’ha firmata ieri il sindaco Virginia Raggi perché “la bellezza di Roma” sia “rispettata da tutti”. “Dobbiamo proteggere la nostra città”, ha sottolineato in un video dal suo profilo Facebook il primo cittadino.

Alla luce dei recenti episodi, obiettivo dell’ordinanza è, infatti, quello di impedire di infrangere le regole di decoro urbano. Così sono applicati una serie di divieti a circa quaranta fontane, inclusi i loro basamenti e le relative aree di pertinenza. Per i trasgressori è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria da 40 a 240 euro.

Fontane di interesse storico e artistico: i divieti

In particolare il provvedimento, che sarà valido fino al 31 ottobre 2017, prevede il divieto di:

– bivaccare, consumare alimenti o bevande.
– Sedersi, arrampicarsi e/o porre in essere qualsiasi altra condotta non compatibile con la naturale destinazione del bene pubblico.
– Versare liquidi e/o gettare qualsiasi oggetto, ad eccezione del tradizionale lancio di monetine.
– Lavare animali, indumenti e simili.
– Fare ber gli animali.

 

Queste le fontane di Roma coinvolte: la Fontana di Trevi, le Fontane dei Leoni, del Nettuno e della Dea Roma a piazza del Popolo, la Fontana della Barcaccia a piazza di Spagna, le Fontane dei Quattro Fiumi, del Moro e del Nettuno a piazza Navona. La Fontana dei Catecumeni in piazza della Madonna dei Monti, la Fontana dell’Acqua Paola a piazza Trilussa, la Fontana di piazza Santa Maria in Trastevere, la Fontana del Tritone a piazza Barberini, la Fontana della Navicella, le Fontane dei due Mari a piazza Venezia. La Fontana in piazza dell’Aracoeli, la Fontana delle Naiadi a piazza della Repubblica, la Fontana di piazza di Campo de’ Fiori. La Fontana della Dea Roma in piazza del Campidoglio e la Fontana Mostra dell’Acqua Paola in via Garibaldi.

Check Also

Atac, piano anti degrado per i bus: chi sporca restituirà decoro

Novità dall’Atac. I giovani writer scoperti a sporcare treni o stazioni potranno essere impiegati in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X