Esortazione apostolica Gaudete et exsultate

Sarà presentata lunedì prossimo, 9 aprile, nella Sala Stampa della Santa Sede, alle 12.15, l’esortazione apostolica di Papa Francesco Gaudete et Exsultate, sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo. A intervenire monsignor Angelo De Donatis, vicario generale del Papa per la diocesi di Roma, il giornalista Gianni Valente e Paola Bignardi, dell’Azione Cattolica.

AmorisSi tratta della terza esortazione apostolica firmata da Papa Francesco dopo Evangelii Gaudium  (novembre 2013) sull’annuncio del Vangelo nel mondo attuale e Amoris laetitia (marzo 2016), pubblicata a conclusione dei due Sinodi dei vescovi sulla famiglia.

A queste si aggiungono le due encicliche Lumen Fidei (scritta insieme a Benedetto XVI) del giugno 2013 e Laudato si’ sulla cura del creato pubblicata nel maggio 2015.

La santità oggi

Durante i suoi cinque anni di pontificato, Papa Francesco si è soffermato più volte sul tema della santità. Il 19 novembre 2014, all’udienza generale, il Santo Padre aveva spiegato che “la santità è un dono, è il dono che ci fa il Signore Gesù, quando ci prende con sé e ci riveste di sé stesso, ci rende come Lui”. Non si tratta dunque di una prerogativa soltanto di alcuni ma del segno distintivo di ogni cristiano in quanto battezzato.

E ancora prima, nella solennità di Tutti i Santi del 2013, il Pontefice aveva precisato che i santi non sono “superuomini”, “perfetti”,  ma sono persone come noi, uomini della “gioia”, che hanno conosciuto l’amore di Dio. Sono, ha aggiunto ancora il Santo Padre nel giugno scorso, “testimoni e compagni di speranza”.

Sono quattro gli elementi imprescindibili per percorrere la strada della santità, aveva inoltre fatto presente Francesco durante la Messa a Santa Marta il 24 maggio 2016: coraggio, speranza, grazia, conversione. La santità è un cammino, aveva affermato ancora il Pontefice: “camminare alla presenza di Dio in modo irreprensibile”.