Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Radiopiù Notizie

08:00 08:03

Show attuale

Radiopiù Notizie

08:00 08:03

Background

Educare alla speranza: verso l’Assemblea diocesana di AC

Scritto da il 6 Febbraio 2020

Educare alla speranza: partiamo dallo slogan della prossima Assemblea dell’Azione Cattolica di Roma per raccontarvi gli obiettivi dell’Associazione

 

Il 15 e il 16 febbraio è prevista l’Assemblea diocesana dell’Azione Cattolica, momento centrale per l’anno associativo e per il triennio per tutti gli aderenti e i simpatizzanti, dove viene discusso e votato il documento assembleare su cui i soci stanno riflettendo negli ultimi mesi con gli obiettivi e i progetti da realizzare nei prossimi anni.

La formazione laicale in AC

Ad InfomAC vi proponiamo un’intervista, curata da Vittorio Sammarco, con il giornalista Enzo Romeo, vaticanista del TG2 che è stato dirigente dell’AC in Calabria, il quale modererà la tavola rotonda all’Assemblea diocesana: «Il ruolo che l’Azione Cattolica ha nella formazione laicale, spesso raccomandata e sottolineata da Papa Francesco, è ancora oggi fondamentale- inizia Enzo Romeo -Esistono molte esperienze formative all’interno della Chiesa, ma quella specifica dell’Azione Cattolica si sviluppa con un approccio di cui la Chiesa non può fare a meno, soprattutto oggi nella nostra società, dove lo studio, l’attenzione, l’educazione sono stati persi di vista».

Educare alla speranza

Il progetto formativo dell’AC si basa su alcuni snodi che, alla contemporaneità, possono dire molto: «La formazione non è opzionale, non è un “di più” che aggiungiamo- continua Enzo Romeo -Abbiamo perso di vista questo aspetto, ci si lancia e ci si impegna piuttosto nel “fare”, ma in questo modo ci si dimentica qual è la direzione intrapresa e da intraprendere. “Fare” senza formarsi ed educarsi è un’azione fine a se stessa. Il titolo che l’Assemblea diocesana di Roma si dà quest’anno, cioè “Educare alla speranza”, indica proprio la volontà e il desiderio di invertire la rotta, ancora una volta, recuperando così la vocazione della formazione, propria dell’Azione Cattolica fin dalla sua nascita. Può essere un segno forte per la società di oggi, sempre più ripiegata su se stessa, incapace di progettare il futuro del Paese in senso economico, politico e sociale».

Responsabilità e formazione

L’AC è dunque chiamata, e si chiama, a testimoniare la centralità della formazione e dell’educazione in un contesto sociale e culturale sempre più fluido, ben riassunto dalla situazione in cui Roma vive negli ultimi anni: «La città di Roma deve puntare ad una nuova assunzione di responsabilità- conclude a questo proposito Enzo Romeo -Assumersi delle responsabilità va di pari passo con tre “vecchie” parole usate anni fa in Azione Cattolica, cioè preghiera, sacrificio, azione: sono tre termini che possono sembrare anacronistici oggi giorno, eppure, se ben ripensati, possono essere alcuni degli ingredienti per aiutare l’uomo di oggi ad assumersi con coraggio le responsabilità di cui dicevamo poco fa. L’Azione Cattolica può essere un segno, un testimone anche per quanto riguarda l’assunzione di responsabilità nelle difficoltà: se riuscirà a farlo in modo rinnovato, capace di parlare alla contemporaneità con lo stile della condivisione e dell’accoglienza che la contraddistingue da sempre, allora sarà in grado di rendere un grande servizio alla città, intesa come l’ampia e complicata società in cui viviamo».

 

Appuntamenti e news

L’Associazione Flumen propone un percorso intitolato “Il filo del discorso: conversazioni di storia, arte e letteratura”. Il prossimo incontro si terrà il 6 febbraio alle 17.30 presso Palazzo Maffei Marescotti (via della Pigna 13/A). È necessario prenotarsi scrivendo a [email protected], o chiamando lo 0645504424. Per gli aderenti di AC o dell’Associazione Flumen la quota è di 12 euro, per i non aderenti a nessuna delle due associazioni la quota è di 15 euro. Le date degli incontri il 13 febbraio, 5 marzo, 19 marzo, 2 aprile, 16 aprile, 23 aprile, 7 maggio.

Il 6 febbraio alle ore 18.45 presso la parrocchia di San Giuseppe Artigiano (Largo San Giuseppe Artigiano 15) per il ciclo “Incontri con l’autore” verrà presentato il libro di Mario RavalicoDon Francesco Bonifacio: assistente dell’Azione Cattolica fino al martirio“.

L’8 febbraio riprende la Scuola formazione socio politica della parrocchia di San Barnaba. L’incontro è previsto dalle 17.00 alle 20.00 e questa volta interverrà la dottoressa Carlotta Venturi, la quale proporrà un laboratorio intitolato “I migranti nel nostro territorio”.

Il 12 febbraio nella parrocchia di Santa Maria delle Grazie al Trionfale è previsto l’incontro con don Fabio Rosini alle ore 19.30 per il ciclo “Una famiglia di famiglie”.

Il 28 febbraio alle 20.30 riprenderanno i Friday café nella parrocchia di San Barnaba, cioè un ciclo di incontri informali nei venerdì quaresimali durante i quali vengono offerti caffè, tè e tisane: al primo appuntamento verranno ascoltate le psicologhe Simona Amara e Ilaria Pizzo sul tema “Ad un passo dall’indifferenza“.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT