Don Luigi Sturzo, verso la chiusura della causa di beatificazione e canonizzazione

0
302
Don Luigi Sturzo

Don Luigi Sturzo, la chiusura della causa di beatificazione

Si chiuderà venerdì 24 novembre la fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione di don Luigi Sturzo. L’incontro è previsto per le ore 12, presso la Sala della Conciliazione del Vicariato di Roma. Con l’occasione il fondatore del Partito Popolare Italiano sarà celebrato nel corso dell’intera giornata con un convegno e la messa a Sant’Agostino.

Gli eventi in programma

L’Istituto Luigi Sturzo promuove per il 24 novembre alle ore 15 l’incontro di studio sul tema “Don Luigi Sturzo un maestro per l’Italia di oggi e di domani”. Dopo i saluti di Nicola Antonetti, presidente dell’Istituto Luigi Sturzo, Caroline Kanter, direttrice della rappresentanza italiana della Konrad-Adenauer-Stiftung, Gaspare Sturzo, presidente del Centro internazionale studi Luigi Sturzo, è prevista la relazione di Giovanni Palladino, segretario generale di Servire l’Italia, sul tema “Come si è giunti alla chiusura positiva della fase diocesana della causa”.

A seguire gli interventi di Andrea Bixio, Pierluigi Castagnetti, Beniamino de’ Liguori Carino, Francesco Malgeri, Lorenzo Ornaghi, Marco Vitale. Al termine dell’incontro, sarà celebrata una S. Messa presso la chiesa di Sant’Agostino. A officiarla monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale e presidente della Commissione storica della causa di beatificazione, e concelebrata da mons. Calogero Peri, vescovo di Caltagirone, e mons. Francesco Tasciotti, giudice istruttore per le cause dei santi presso il Tribunale del Vicariato di Roma.

Don Luigi Sturzo, “esempio di preclare virtù sacerdotali”

Nato a Caltagirone, in provincia di Catania, il 26 novembre 1871 da una famiglia dell’aristocrazia agraria, fu ordinato sacerdote nel 1894. Due anni dopo conseguì la laurea in Teologia alla Pontifica Università Gregoriana di Roma.

Allo scopo di mettere in contatto gli studenti delle diverse regioni d’Italia, fondò l’Associazione dei Giovani Ecclesiastici. Fondò anche, nel 1897, il giornale di orientamento politico-sociale La croce di Costantino e, nel 1919, il Partito Popolare Italiano con cui diede voce politica ai cattolici.

Un profondo senso della giustizia e l’amore per i poveri i punti di riferimento in tutta la sua vita da sacerdote e uomo politico. Il presidente della Repubblica Luigi Einaudi lo nomina senatore a vita nel 1952. Don Luigi Sturzo muore a Roma l’8 agosto 1959. Papa Giovanni XXIII lo definirà “esempio di preclare virtù sacerdotali“.