Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Radiopiù Notizie

12:30 12:33

Show attuale

Radiopiù Notizie

12:30 12:33

Background

Diocesi di Roma, anno pastorale 2021-2022: la dolce e confortante gioia di evangelizzare

Scritto da il 24 Giugno 2021

Diocesi di Roma: evangelizzare. Grazia e conversione

«Siamo chiamati a uscire. Il cuore deve stare nella città. È lì che il Signore ci invia e ci aspetta». È l’invito del cardinale vicario, Angelo De Donatis, alla Diocesi di Roma in vista dell’incontro con Papa Francesco, il prossimo 18 settembre, in Vaticano.

Un incoraggiamento, per l’anno pastorale 2021-2022, alla dolce e confortante gioia di evangelizzare (questo il titolo del fascicolo con le linee guida presentato questa sera nella Basilica di San Giovanni in Laterano), che «ci dona il Signore quando lo accogliamo nella nostra vita». Non si tratta dunque di «un’iniziativa umana, ma di una grazia che non lascia tranquilli, che richiede continue e radicali conversioni. Di una rivoluzione che avviene non solo nelle parrocchie ma nei luoghi di tutti i giorni».

«Sbilanciarsi al di fuori», questo ancora il messaggio del cardinale vicario alla Diocesi di Roma. «Non è facile, ma quello che abbiamo vissuto con la pandemia ci ha aiutato a familiarizzare con i nostri territori. Siamo stati costretti a puntare lo sguardo oltre le nostre comunità. Abbiamo scoperto anche la casa come luogo della preghiera. Adesso siamo al cuore del cammino dei 7 anni, siamo a un punto di svolta».

Diocesi di Roma: la rinascita partendo dal Kèrigma

Dopo la piaga della pandemia, usciamo dunque «per attraversare il Mar Rosso. Dobbiamo lasciarci guidare dal diocesi di roma, san giovanni in lateranoSignore verso un nuovo Esodo.

Bisogna ripartire da Dio, dalla sua Parola, dalla grazia battesimale di essere discepoli».

È necessario dunque, ha sottolineato De Donatis, ricominciare dal Kèrigma, incontro vivo e personale con Gesù risorto, fatto non solo di parole, ma di prossimità come ci mostra l’evangelista Luca nel brano della moltiplicazione dei pani e dei pesci. «Nessuno è escluso dalla casa, dal dono di Dio. Il Signore vuole che nessuno vada perduto e che tutti ricevano il pane di vita in abbondanza».

Cristo, continua il cardinale vicario, «fa venire allo scoperto i demoni di cui siamo schiavi. Anche l’esistenza più segnata dal male e il dolore è benedetta da Dio. Il Signore ci invita ad avere fiducia in quello di straordinario può avvenire nella nostra vita». Come è accaduto a Monia che, questa sera, ha testimoniato ai presenti in cattedrale il suo incontro con il Signore dopo anni di distanza, salite e smarrimenti: «Io non sapevo che Dio mi avesse amato da sempre».

Diocesi di Roma: le linee guida

Tra le direttive per l’anno pastorale 2021-22 in primis, dunque, la proposta di momenti forti sulla Parola in una forma che coinvolga le persone quanto più possibile. «Anche quest’anno a settembre  – anticipa De Donatis – avremo un sussidio a schede sulle beatitudini che saranno associate ad alcuni brani evangelici».

Ma non solo. «Moltiplichiamo in parrocchia i momenti in cui i cristiani condividano il momento di incontro con il Signore risorto. Raccontiamo come ciascuno di noi è stato raggiunto dal Kèrigma».

Le equipe pastorali continueranno, poi, il loro percorso di formazione (sull’Arte di guarire di don Fabio Rosini) e il lavoro della mappatura dei quartieri.

Tra le priorità per l’anno pastorale 2021-20221, inoltre, la collaborazione tra le parrocchie e la riflessione sull’omelia con i presbiteri. «Riflettiamo comunitariamente  – questo ancora le parole del cardinale vicario – su ciò che si può fare in più per l’evangelizzazione degli adulti, delle famiglie e dei giovani. Riscopriamo il battesimo». Si potrebbero «riscoprire e valorizzare i fonti battesimali parrocchiali e quello di san Giovanni in Laterano, come luoghi della memoria della fede ricevuta e della professione di fede di chi ha riscoperto il Signore da poco tempo».

E per concludere, in vista della Giornata Mondiale delle Famiglie, che si celebrerà a Roma nel giugno 2022, l’invito a incoraggiare e sostenere la dimensione familiare della vita cristiana.

L’intervento integrale del cardinale vicario, Angelo De Donatis

Leggi anche: GIORNATA PER LA CARITÀ DEL PAPA: DE DONATIS, “UNA STORIA ANTICA E MODERNA”


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT