La diocesi celebra la Giornata per la Custodia del Creato

0
17385
Creato

Custodia del Creato: una due giorni di eventi, sabato 7 e domenica 8 novembre , per sottolineare che la diocesi di Roma raccoglie l’invito lanciato dal suo vescovo Papa Francesco affinché nessuno si tiri indietro nella cura e nella difesa dell’ambiente sia in senso umano che in senso ambientale. “La comunità cristiana e la cura della casa comune” è il titolo del convegno che darà il via alla due giorni diocesana dedicata alla Custodia del creato che si svolgerà sabato 7 novembre dalle 9, nell’Aula della Conciliazione del Vicariato (piazza San Giovanni in Laterano 6/a).

All’appuntamento, moderato da Alfonso Cauteruccio, presidente di Greenaccord, interverranno il vescovo Matteo Zuppi, già ausiliare per il settore Centro della diocesi di Roma e nuovo arcivescovo di Bologna, che introdurrà i partecipanti alla giornata. Quindi don Fabio Rosini, direttore del Servizio diocesano per le vocazioni, fornirà una “Lettura biblico-pastorale” dell’enciclica Laudato si’ e Andrea Masullo dell’Università di Camerino, parlerà di “Cambiamenti climatici, conversione ecologica e stili di vita”. Seguirà la Tavola rotonda intitolata “Linee d’azione per la Chiesa e la società”. Sarà aperta da Stefano Zamagni, docente dell’Università di Bologna, che terrà una relazione su le “Sfide per l’economia e il lavoro”. Seguirà Carmela Marino, del Dipartimento Tutela Salute dell’Enea, con “Scienza e tecnologia per l’ambiente e la salute”. Sarà poi la volta di Lucetta Scaraffia, docente della Sapienza Università di Roma, su “Educazione e cura della vita”, e di don Antonio Lauri, parroco di San Gabriella dell’Addolorata”, che racconterà “L’esperienza di una parrocchia romana”. Le conclusioni, previste per le 12.45 saranno affidate a monsignor Andrea Manto, direttore del Centro per la pastorale sanitaria del Vicariato di Roma.

Sabato 7 novembre, nelle parrocchie di Roma, anticipano gli organizzatori, «si pregherà per sorella Madre Terra e per le persone più fragili vittime dei cambiamenti climatici e di logiche spesso disumane che governano l’economia globale». In più, grazie alla collaborazione tra Vicariato di Roma e AMA, i parroci che aderiranno all’iniziativa ospiteranno nelle proprie parrocchie contenitori per la raccolta di rifiuti speciali con il duplice scopo di aiutare il Creato e contribuire alla sensibilizzazione ambientale delle comunità parrocchiali di Roma. «Sarà – sottolineano i promotori dell’iniziativa – un modo per far arrivare il messaggio di Papa Francesco al cuore di ogni fedele».

Domenica 8, alle 9.30, partirà dal Colosseo la Marcia per la Terra (per info: www.marciaperlaterra.org), con destinazione la basilica dei Santi XII Apostoli, dove il cardinale Agostino Vallini celebrerà la Messa per la Custodia del creato alle 10.45. Nella piazza omonima, grazie al contributo dei francescani della basilica e del Vicariato di Roma sarà allestito il Villaggio Laudato si’ e si svolgerà la festa per promuovere nuovi stili di vita e chiedere cibo per tutti con mercatini solidali e a chilometri zero, stand enogastronomici, laboratori didattici per grandi e bambini tra i quali il Planetario gonfiabile dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, musica dal vivo e danze di gruppi etnici. Alle 12 si potrà partecipare all’Angelus del Papa attraverso un maxi-schermo. La giornata si concluderà alle 17, con il Concerto per la Terra The Reggae Circus di Adriano Bono.