Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Pagine di Roma

19:28 19:32

Show attuale

Pagine di Roma

19:28 19:32

Background

Diario di bordo: “L’ossigeno e l’immersione”

Scritto da il 12 Dicembre 2019

Trovare il tempo per il Signore

Mentre pregavo, riflettevo su quanto sia difficile trovare durante la giornata momenti in cui rientrare in noi stessi, prendere contatto con quello che stiamo vivendo, con i nostri desideri più profondi, con Dio che abita in noi. Sembra una difficoltà insormontabile eppure facciamo tante cose nella nostra giornata, davvero tante, ma chiedere alle persone di stare anche solo cinque minuti al giorno con Dio diventa un’impresa titanica. Sembra che alle persone manchino le forze, le energie, come se dovessero scalare una montagna.

Se ci pensiamo, è assurdo che in ventiquattro ore non si riescano a trovare cinque minuti per rientrare in noi stessi. E’ come quando facciamo un’immersione con le bombole di ossigeno: dobbiamo lasciare la barca e tuffarci, affidandoci solamente all’aria che ci arriva da quella bombola. Ma solo se facciamo questo salto in compagnia del Signore, che è la nostra bombola di ossigeno, possiamo immergerci in noi stessi e vedere che cosa c’è, vedere davvero noi stessi perché il Signore ce ne da la possibilità, anche se non sempre siamo pronti a vedere tutto quello che abita nel nostro cuore.

Un’immersione per ritrovare se stessi

A venti anni forse non avrei retto il peso di ciò che sono ma ora sì grazie ad una maggiore maturità umana, a un più ampio cammino spirituale, perché il Signore mi fa vedere tante cose, sia belle sia brutte, che forse prima non sarei riuscita a sopportare. E’ il Signore che ci dice qualcosa di noi, che parla di noi per amarci e correggerci ma mai per staccare la bombola di ossigeno e lasciarci morire. Quindi proviamo a trovarli questi cinque minuti, che non sono nulla per stare con Gesù.

Dobbiamo lasciare la nostra barca, il nostro telefonino, le persone che vorremmo chiamare in quei cinque minuti e affidarci davvero a quest’ossigeno che ci aiuta a guardare sempre meglio dentro di noi. Non siamo soli ma insieme a Gesù. Quindi non ci dobbiamo sgomentare ma insieme a Lui, alla sua parola e anche con l’aiuto di una guida spirituale se l’abbiamo, questa immersione ci porterà di nuovo in superficie, nella nostra barca, con la possibilità di vedere il mondo e noi stessi in modo diverso.

(Trascrizione del testo a cura di Antoine Ruiz)

Ascolta la puntata a cura di Simona Panico   


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT