San Paolo nella sua Lettera a Tito invita più volte anziani e giovani alla sobrietà. La sobrietà è la misura, è la mancanza di eccessi. Ma qual è la misura e qual è l’eccesso? Qual è il criterio?

Uno dei criteri è quando non abbiamo più la padronanza di noi stessi, quando non riusciamo più a controllarci. La sobrietà infatti si ha nel momento in cui sappiamo controllare tutto quello che facciamo e pensiamo, anche senza necessità della grazia. Umanamente lo sforzo di trovare un equilibrio si può fare. Da battezzati la motivazione all’azione dipende dalla risposta d’amore al Signore. Per ascoltare Dio e i fratelli e amare fino a dare noi stessi abbiamo bisogno della sobrietà.

Ascolta l’intera puntata a cura di Simona Panico, delle Apostole della Vita Interiore