martedì , 21 novembre 2017

‘Crowd4Africa’, presentato al Papa il progetto dell’Istituto Massimo

 ‘Crowd4Africa’. È questo il nome del progetto realizzato dagli studenti dell’Istituto Massimo di Roma presentato, durante l’udienza di ieri, a Papa Francesco. Obiettivo è quello di realizzare in Africa delle “mini fabbriche” con stampanti 3D allo scopo di costruire protesi ed altre attrezzature mediche per i bambini amputati.
Si utilizzerà per lo più materiale riciclato come i tappi di bottiglia in plastica. I primi due ospedali che ospiteranno le “mini fabbriche” saranno il Lacor St. Mary Hospital in Uganda gestito dalla Fondazione Corti ed il Centro Sanitario di Kenge in Congo. Il progetto è stato ideato e realizzato da ragazzi dai 7 ai 19 anni che hanno frequentato i corsi gratuiti “For 3D world” e “Making 3D Printers” con il supporto di 20 genitori volontari provenienti dal mondo dell’industria, dell’università, della scuola e delle istituzioni pubbliche.

Check Also

Giornata dei poveri. Una veglia di preghiera per i volontari

Veglia di preghiera per i volontari coinvolti nella prima Giornata Mondiale dei Poveri “Non amiamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X