Corviale aspetta Papa Francesco

Li avevamo lasciati così i parrocchiani di San Paolo della Croce, nel quartiere Corviale: soddisfatti ed entusiasti per l’esperienza riuscita della Via Crucis Vivente, lo scorso 23 marzo, sullo sfondo del Serpentone. Poi, un altro “dono” proprio nella notte di Pasqua: l’annuncio dell’imminente visita del Santo Padre.

Il 15 Aprile Papa Francesco sarà ospite della nostra comunità parrocchiale e presiederà la Santa Messa da noi”, si legge sulla pagina Facebook della parrocchia di via di Poggio Verde.

La notizia è rimasta riservata fino a due giorni fa per vivere la Quaresima “in maniera serena e in un clima di concentrazione”, ha rivelato il parroco, don Roberto Cassano, ai microfoni di Radiopiù.

Si è trattata di una vera e propria sorpresa, ma comunque “dettata dalla volontà di Dio”. Il tempo per prepararsi è poco, ma c’è la tranquillità di sapere che è il “Signore che ha voluto così”. E già a partire da stasera ci si organizzerà per accogliere Francesco. Si riuniranno insieme i responsabili delle varie aree della parrocchia per decidere come realizzare al meglio l’incontro con il Pontefice:

 

La visita di Giovanni Paolo II

La visita di Papa Francesco nella parrocchia di San Paolo della Croce a Corviale segue quella di Giovanni Paolo II. Era il 1° marzo del 1992 e da lì a qualche giorno sarebbe iniziato il periodo di Quaresima. “Auguro che presto possiate risolvere i problemi che ancor oggi affliggono il vostro quartiere, a motivo delle carenze di infrastrutture, del degrado ambientale e di alcune piaghe sociali, che sono tipiche delle grandi periferie urbane del nostro tempo”, disse Wojtyła quella domenica di 26 anni fa non senza un barlume di speranza.

“Fa ben sperare, però, il fatto che la parrocchia, impiantata qui prima ancora che il quartiere fosse abitato, è viva e costituisce un forte elemento di aggregazione per tutti, specialmente per coloro, e sono la stragrande maggioranza, che riconoscono l’importanza della fede cristiana e dei legami che nascono da essa”.