Confraternite romane, la ventesima edizione della Via Crucis

È in programma per il prossimo 23 marzo, venerdì prima della Domenica delle Palme, alle ore 19.30, la ventesima edizione della Via Crucis delle Confraternite romane. Prevista, inoltre, la partecipazione di diversi sodalizi di altre città e regioni, come quella di Santa Maria del Carmine di Pulsano (Ta).

A presiederla monsignor Antonio Interguglielmi, direttore dell’Ufficio aggregazioni laicali e confraternite della diocesi di Roma. A curare i canti Santa Maria del Carmine a Trastevere.

Il corteo partirà dalla Chiesa di Santa Maria all’Orazione e Morte, in via Giulia, per poi percorrere le vie del centro di Roma. Sarà un’occasione, oltre che per pregare insieme, per visitare alcune delle Chiese più belle di Roma, solitamente chiuse.

Le stazioni 

La Seconda tra le quattordici stazioni sarà meditata a San Giovanni e Petronio dei Bolognesi. Seguono poi le tappe a Largo S. Vincenzo Pallotti, San Salvatore in Onda e Santissima Trinità dei Pellegrini. Le confraternite si muoveranno poi alla volta della Chiesa di San Paolo alla Regola, Piazza Capo di Ferro e Santa Maria della Quercia.  

Nona e decima stazione rispettivamente a Campo de’ Fiori e Piazza Farnese. Si andrà avanti verso la Chiesa di Santa Brigida e Santa Maria in Monserrato. Stazioni conclusive a Santo Spirito dei Napoletani San Giovanni dei Fiorentini. A seguire la preghiera finale e la benedizione. La Via Crucis terminerà alle ore 22.30 circa.

Le Confraternite

Le Confraternite sono le più antiche associazioni di fedeli laici. Nate nel tredicesimo secolo sono finalizzate all’esercizio di opere di culto e devozione, opere di pietà o di carità.

Regolarmente organizzate, differiscono dalle Congregazioni religiose. Nelle confraternite non si emettono voti, non si vive in comune e non si partecipa con il proprio patrimonio. Obiettivo degli iscritti è il perseguimento delle virtù evangeliche. Il loro stato di vita rimane, però, laicale.