Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Non stop Music

00:00 06:00

Show attuale

Non stop Music

00:00 06:00

Background

Come Maria,
donna dei dolori

Scritto da il 13 Maggio 2020

Se Maria è la donna della gioia, non possiamo non contemplarla anche come la donna dei dolori: un dolore però salvifico, che ha senso, redentivo.

Se Gesù è l’uomo dei dolori, Lei è la donna del dolore. Comincia subito l’annuncio della spada che le trafiggerà il cuore. Sarà proprio Simeone che presenterà Gesù come l’uomo dei dolori: “È qui per la rivelazione dell’amore di Dio, per le genti e per la salvezza, vittima e tu sarai la donna che verrà trapassata da una spada”.

Donna dei dolori, dalla nascita di Gesù

E’ proprio all’inizio della vita di Gesù che Maria riceve questo messaggio e in effetti Lei capisce che questo bimbo che Lei dona all’umanità è colui che porta i dolori dell’umanità stessa. A Nazareth, per la nascita del bambino, è tutto pronto, il corredino, la culla, eppure Lui deve nascere come un senza tetto, come uno sfollato, come tanti migranti di oggi. Quanto dolore viene dato a questa mamma nel non poter dare una culla e un’accoglienza dignitosa a questo bambino tanto atteso e tanto amato.

croce donna dei doloriIl dolore di Maria è già nel parto, nel partorire questo figlio. Inoltre c’è la fuga in Egitto e il sapere che sono stati trucidati tanti innocenti al posto del suo bambino (la Strage degli Innocenti). Pensate al dolore di Maria quando Gesù, adolescente, si smarrisce nel Tempio. Il testo evangelico usa un’espressione molto forte: “Tuo padre ed io, angosciati, ti cercavamo”. Maria capì fino ad un certo punto la risposta del figlio.

Immaginate il ritorno di Gesù a Nazareth, quando nella Sinagoga legge la profezia di Isaia: “Sono venuto a portare il giubileo, la misericordia per i poveri e il giorno di grazia per tutti i miseri che cercano salvezza”. Maria, presente in quella Sinagoga, gioisce perché Gesù dice: “Oggi questa parola si è realizzata davanti a voi”. Maria gioisce ma sappiamo dal Vangelo che subito dopo il popolo di Nazareth pretende da Lui miracoli e Gesù, non facendoli, viene portato sul ciglio del burrone, quasi ad indicare come sarebbe stata la sua passione.

Donna dei dolori, durante la Passione

Per tutta la vita pubblica di Gesù, la sofferenza di Maria, donna dei dolori, è sapere che Gesù non è compreso, con tanta fatica, nemmeno dai suoi stessi apostoli e discepoli. Maria quindi è la donna dei dolori, vicina a Gesù nella Passione. Pensate alle cadute, ai tradimenti di Giuda e di Pietro. La pensiamo, la contempliamo sotto la Croce. È lì che sperimenta lo strazio più grande di tante mamme che vedono morire il figlio prima di loro stesse e Lei è come se fosse trafitta al posto suo, come dice San Bernardo quando il centurione dà il colpo di lancia al Cristo. Gesù era già morto: quindi la sofferenza colpisce il cuore della madre. Eccola lì, Maria, sotto la Croce che dà senso a quel dolore che ci salva.

Possiamo concludere quest’incontro con le bellissime parole dello “Stabat Mater”. Così prega la Chiesa, contemplando Maria sotto la Croce: “Stavi, o Madre dolorosa, alla Croce lacrimosa con il figlio vittima. Quanto triste, quanto afflitta eri, o Madre derelitta. Ti accoravi, ti affliggevi, pia Madre che vedevi il tuo figlio martire”.

(Trascrizione del testo a cura di Antoine Ruiz)

Ascolta la puntata odierna “Donna dei dolori” a cura di don Tonino Panfili

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT