Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Non stop Music

00:00 06:00

Show attuale

Non stop Music

00:00 06:00

Background

Caritas, Rapporto 2016: la povertà colpisce più giovani che anziani

Scritto da il 17 Ottobre 2016

Sono circa 50mila senza dimora in Italia, tra cui 7mila donne e 3mila anziani, nel nord d’Italia e in prevalenza nelle grandi città. Roma e Milano ne raccolgono, da sole, quasi 20mila. Si tratta in maggioranza di uomini, stranieri, persone sole. Questo il quadro emerso dal 

umenta l’età media degli stranieri (39 anni a fronte dei 50 anni degli italiani). Aumenta anche la durata della situazione dei senza fissa dimora che provengono da altri Paesi (2.2 anni, quasi come gli italiani).

A questo vanno ad aggiungersi i dati relativi alla povertà assoluta che, raggiungendo i picchi più alti degli ultimi dieci anni, colpisce in Italia maggiormente giovani tra i 18 e i 34 anni in cerca di lavoro e adulti rimasti senza impiego. Si inverte perciò, a causa della crisi economica ed occupazionale, il vecchio modello di povertà che vedeva gli anziani tra i più in difficoltà. Secondo l’Istat, poi,  sono 4,6 milioni le persone in povertà assoluta, pari a 1 milione e 582 mila famiglie. Le situazioni più difficili si registrano nel Mezzogiorno. Da non tralasciare poi la povertà dei rifugiati e dei richiedenti asilo, che rappresentano la percentuale più alta (57,2%) di chi si rivolge ai centri di ascolto Caritas.

In particolare, il 2015 viene definito da Caritas italiana nel Rapporto 2016 su povertà ed esclusione sociale, “l’annus horribilis” per i movimenti migratori, non solo “per l’elevato numero di rifugiati, sfollati e morti” ma anche “per l’incredibile debolezza ed egoismo” di alcuni Paesi europei nell’affrontare l’emergenza umanitaria. Per questo la Caritas continua a chiedere, tra l’altro, l’apertura di canali sicuri e legali di ingresso nell’Ue sia con “l’introduzione di visti umanitari” nei Paesi di origine e di transito e “l’esenzione del visto se giustificato da motivi umanitari”. Oltre a una maggiore solidarietà tra Paesi europei nell’ attuazione dei finora “inefficaci” programmi di ricollocamento.

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT