Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Non stop Music

00:00 06:00

Show attuale

Non stop Music

00:00 06:00

Background

“Carità fino al martirio”, marcia e veglia di preghiera

Scritto da il 20 Marzo 2019

“Carità fino al martirio”

Per giovedì 21 marzo, nell’ambito della Quaresima della Carità, la Caritas di Roma, insieme all’Ufficio Missionario Diocesano, la Comunità di Sant’Egidio e l’Ufficio Diocesano per le Migrazioni, organizzano “Carità fino al martirio”, la marcia e veglia di preghiera in memoria dei martiri missionari dei nostri tempi.

A presiedere la liturgia il cardinale vicario Angelo De Donatis.

“Con la grazia dello Spirito il testimone ha tolto dal suo sguardo due veli: quello dell’intimismo e quello del dominio”. Queste le sue parole ricordando l’esperienza di fede dei missionari martiri lo scorso anno durante la veglia a San Giovanni in Laterano. “Se anche noi toglieremo questi veli dal nostro volto vedremo l’invisibile, la luce nella notte”.

Le tappe

Alle ore 18 avrà inizio la Marcia in piazza di Sant’Anastasia, davanti all’omonima basilica. Da lì si arriverà, pregando, fino all’Isola Tiberina.

Basilica di San Bartolomeo all’Isola

Alle ore 19, si svolgerà la veglia di preghiera nella Basilica di San Bartolomeo.

Porterà la sua testimonianza Fr. Jean Pierre Schumacher, monaco trappista sopravvissuto al martirio di Tibhirine in Algeria.

24 marzo, la XXVII Giornata di preghiera e digiuno in memoria dei missionari martiri

La Giornata di preghiera e digiuno in memoria dei missionari martiri, nata nel 1993 per iniziativa dell’allora Movimento Giovanile Missionario, diventato oggi Missio Giovani, si celebra domenica 24 marzo, a 38 anni dall’assassinio di Monsigno Oscar Romero, vescovo di San Salvador, proclamato santo nell’ottobre dello scorso anno.

Tema di quest’anno è “Per amore del mio popolo non tacerò” (cfr. Is 62,1). La Fondazione Missio, in collaborazione con la commissione di comunicatori dei Centri Missionari Diocesani, propone una Campagna di sensibilizzazione attraverso i social network (Facebook e Instagram) che tocca quattro Paesi (Ucraina, RD Congo, Yemen, Venezuela) dove le popolazioni subiscono persecuzioni.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT