Basilica Santa Sofia, il 28 gennaio la visita del Papa

basilica santa sofia, papa francescoIl prossimo 28 gennaio Papa Francesco si recherà alla Basilica Santa Sofia per incontrare i greco-cattolici ucraini. La visita fa seguito all’invito ricevuto dall’arcivescovo maggiore di Kyiv-Halyč, Sviatoslav Shevchuk. A renderlo noto, lo scorso venerdì, il direttore della Sala stampa vaticana Greg Burke.

Si tratta di una tappa storica, ha commentato Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk. È “un segno di solidarietà con il popolo ucraino, vittima della guerra in Donbas”. Una  “manifestazione di vicinanza ai migranti ucraini in Italia, per i quali la basilica di Santa Sofia rappresenta la loro casa e il simbolo della terra nativa”.

L’incontro con la comunità ucraina a Santa Sofia

L’arrivo del Pontefice a Santa Sofia è previsto per le ore 16. Francesco terrà una breve preghiera e un canto natalizio. A seguire, i saluti di Shevchuk e la presentazione della comunità ucraina.

Spazio poi al discorso del Papa. L’incontro si concluderà con una preghiera nella cripta di fronte alla tomba del vescovo Stepan Chmil. Fu lui, in Argentina, a insegnare allo stesso Bergoglio ad assistere alla messa di rito ucraino.

La Basilica di Santa Sofia a Boccea

La basilica di Santa Sofia, in via Boccea 478, è riconosciuta come la chiesa nazionale a Roma degli ucraini. Luogo sussidiario di culto della parrocchia di Santa Maria della Presentazione, è stata costruita tra il 1967 e il 1969. In quel periodo, infatti, il cardinale Josyf Slipyj ha dato avvio a una raccolta fondi dopo essere ritornato dalla prigionia in un gulag siberiano. Il progetto è stato redatto sulla base dei piani originali per la costruzione della cattedrale di Santa Sofia a Kiev.

Nel 1985 papa Giovanni Paolo II le ha assegnato il titolo cardinalizio. Nel 1998, la chiesa è stata elevata al rango di basilica minore. Nel settembre 2011, poi, si sono conclusi i lavori di restauro promossi dall’Associazione “Santa Sofia”, legittima proprietaria della chiesa e degli edifici annessi.

 

1 commento