venerdì , 20 ottobre 2017

Al Bambino Gesù due robot per la neuroriabilitazione dei più piccoli

Sono Arm and Hand (braccia e mano) e Wrist (polso) i due nuovi robot inaugurati ieri al Bambino Gesù di Santa Marinella, in provincia di Roma, acquistati con il contributo della Fondazione Roma.

L’obiettivo dei nuovi dispositivi è quello di far vivere ai piccoli pazienti la neuroriabilitazione, per il recupero della mano e degli arti superiori, a seguito di danni acquisiti o congeniti, quasi come fosse un gioco. Si tratta, infatti, di “un approccio ludico, il bambino non si accorge di farlo -spiega il responsabile del laboratorio di riabilitazione, Enrico Castelli in una seduta fanno più di mille movimenti”.

In Italia sono 200mila, 20mila solo nel Lazio, i bambini con problemi cerebrali dovuti a malattie come paralisi cerebrali, tumori o traumi.  Attraverso i robot, assicura all’Ansa la presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc “Anche bambini o ragazzi con dei deficit importanti potranno riacquisire quello che sino a qualche anno fa era ancora impensabile”.

 

 

Check Also

Sanità. Intervista al nuovo delegato per la pastorale sanitaria

Don Fernando Altieri nuovo responsabile per la pastorale sanitaria. La pastorale dedicata alla sanità e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X