Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Non stop Music

00:00 06:00

Show attuale

Non stop Music

00:00 06:00

Background

Anziani soli: parrocchie aperte d’estate nei “Quartieri Solidali”

Scritto da il 10 Luglio 2019

Anziani soli: il progetto della Caritas di Roma

Santa Bernadette Soubirous, Santa Maria Ausiliatrice, Santa Maddalena de’ Pazzi, San Saturnino. E ancora Santissimo Sacramento, San Luca Evangelista, San Pio V e Nostra Signora di Lourdes. Sono le parrocchie della Diocesi di Roma che, per tutto luglio e agosto, manterranno attive le segreterie dell’assistenza domiciliare leggera al fine di sostenere gli anziani soli rimasti in città per le vacanze estive.

anziani soli, quartieri solidali caritas

Foto Caritas Roma

Si tratta dell’iniziativa, finanziata tramite i fondi 8xMille della Cei, Quartieri Solidali. A differenza delle altre realtà legate alla parrocchie «va avanti tutto l’anno e non sospende l’operatività nei mesi estivi» spiega a Radiopiù Alessia Celentano, operatrice della Caritas di Roma che cura l’aspetto di monitoraggio, formazione e supervisione dei vari progetti locali.

Anziani soli: i tre ambiti di intervento

Sono tre gli ambiti di intervento. Prima di tutto l’assistenza domiciliare leggera (che è proprio quella, ci ricorda Alessia, che rimane attiva durante i mesi estivi).

«Durante luglio e agosto c’è una segreteria mobile: si tiene sempre acceso un cellulare, disponibile per le varie segnalazioni e le varie emergenze.

I volontari coinvolti sono persone che fanno parte della comunità parrocchiale o che, non facendone parte, si sono avvicinate per un anziani soli, anzianiinteresse di tipo sociale. Durante tutto il progetto vengono accompagnate tramite una formazione permanente che curiamo noi come Caritas Roma oltre che attraverso un percorso di formazione iniziale».

Poi ci sono altri due ambiti di intervento: le sale di socializzazione e i condomini solidali, «progetti ancora in fase sperimentale che non tutte le parrocchie hanno ancora adottato. Il primo mira al recupero delle risorse residue delle persone anziane e proprio alla socializzazione in questi luoghi di scambio, con il secondo, invece, si va fuori dalla mura parrocchiali» tramite delle iniziative ad hoc per un territorio specifico allo scopo di creare una rete di solidarietà, di prossimità con gli abitanti del quartiere.

Anziani soli e Quartieri solidali: l’iniziativa aperta a tutte le parrocchie

Le iniziative sono dislocate su varie zone di Roma, «anche in base all’interesse che hanno le parrocchie di iniziare il percorso. Questo – precisa Alessia – avviene in maniera casuale, non siamo noi che facciamo un lancio dell’iniziativa ma sono le parrocchie che, avendo probabilmente una richiesta eccessiva da parte delle terza età, decidono di mettere a sistema, dare un metodo a tutte queste informazioni che arrivano».

In ogni caso, il progetto è aperto a tutte le comunità parrocchiali interessate ad attivarlo. «Le parrocchie già coinvolte sono diverse, a oggi formalmente sono 9 ma ce ne sono altre 4 che stanno avviando il percorso».

Ascolta le parole di Alessia Celentano:

Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’Area Educazione al Volontariato – Servizio Aiuto alla Persona telefonando allo 06.88815150 o inviare un’e-mail: [email protected]


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT