Adozioni, Vallini: “I desideri non sono diritti”

0
17
Vallini

“Turpe la pratica dell’utero in affitto. I desideri non sono diritti”. Queste le parole del cardinale vicario Agostino Vallini in un’intervista al settimanale Roma Sette a proposito delle adozioni e della pratica dell’utero in affitto a pochi giorni dal voto in Senato sulle unioni civili. “Il desiderio non può essere eretto a diritto. Ciò che deve essere messo in primo piano è l’interesse del bambino, non la volontà di due persone di avere un  figlio. I figli non si costruiscono” spiega Vallini che definisce il disegno di legge Cirinnà “frutto di un compromesso al ribasso”. Non ha vinto dunque, l’amore ma, chiarisce, “una volontà politica che puntava a un certo risultato a tutti i costi, tanto da volerlo ottenere con il voto di fiducia che ha impedito un voto di coscienza”.

Il fatto che la stepchild adoption sia stata cancellata dal provvedimento, non esclude, infatti, secondo il cardinale, che non possa essere introdotta attraverso un iter legislativo diverso o  grazie all’intervento dei magistrati (come già successo per alcuni casi).

 A farne le spese sono soprattutto i minori e le donne:Vorrei essere chiaro: non ci sono adulti da tutelare nel loro desiderio di un bambino; sono da tutelare  i bambini, a cominciare da quelli che non hanno famiglia  e  che hanno il diritto ad avere una mamma e un papà, come nel caso dei minori adottabili. E poi sono da tutelare le donne – soprattutto dei Paesi del Sud del mondo – costrette dalla povertà al turpe mercato dell’utero in affitto. È su questo mercato che bisogna intervenire”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here