Acli, ‘Job to go’: il ‘lavoro svolta’ nelle parrocchie romane

0

Partirà il prossimo 14 giugno il progetto,’ Job to go, Il lavoro svolta’, in collaborazione con Acli Roma e Cisl Roma Capitale e Rieti.

Si tratta di un itinerario di educazione, formazione, informazione e orientamento al lavoro “per riconoscere la dignità e lo sviluppo della persona, per rilanciare una cittadinanza attiva e consapevole e per condividere strumenti concreti e buone pratiche”. Un’iniziativa rivolta ai ragazzi del quarto e quinto anno delle scuole superiori di Roma e ai ragazzi delle parrocchie delle Capitale.

“In un tempo difficile – aveva dichiarato Lidia Borzì, presidente delle Acli di Roma e Provincia, presentando il progetto– come quello che stiamo attraversando, di cui i dati presentati sono il metro tangibile, diventa strategico dare risposte di ampio respiro. È sotto gli occhi di tutti che il lavoro manca e quando c’è, spesso caratterizzato dalla precarietà, rischia di ridursi a mero scambio prestazione/compenso. Con questo progetto, un’associazione di promozione sociale a forte vocazione educativa come le ACLI, vuole quindi rimettere al centro il lavoro quale perno di cittadinanza e sviluppo integrale della persona e della comunità, con un approccio valoriale, educativo e al tempo stesso concreto. Un impegno che deve partire dal basso per costruire una grande alleanza sul lavoro di cui i giovani sono i primi protagonisti”.

Si parte, dunque, dalla parrocchia di San Romano Martire a Largo Beltramelli 23, nei giorni 14, 15, 16 giugno dalle ore 16 alle ore 19.  Il progetto sarà poi avviato nella parrocchia di Santa Bernadette Soubirous in Viale Ettore Franceschini, 40. Appuntamento per il 20 e il 27 giugno e per il 4 luglio alle ore 21.

Per informazioni consultare i siti internet www.acliroma.it e www.cislromaelazio.it