Chiesa degli Artisti: il giallo del restauro

La Chiesa degli Artisti e il restauro della “gemella”

Santa Maria dei Miracoli e Santa Maria in Montesanto, meglio nota come Chiesa degli Artisti. Sono le due chiese che dominano Piazza del Popolo, gemelle (tranne che per l’impostazione planimetrica) fino a non molto tempo fa.

La cupola di Santa Maria dei Miracoli si mostra oggi di un colore grigio tendente all’azzurro che nulla a che vedere con la tinta giallognola della sua gemella, opera dell’artista Gian Lorenzo Bernini. E questo a seguito di alcuni lavori di restauro, finanziati con un importo di 232.500 euro, la cui direzione è stata assegnata all’ufficio beni culturali Vicariato di Roma e i cantieri all’impresa esecutrice Dromos Restauri Srl.

Qual è il colore originale?

Chiesa degli Artisti

A fare luce sul giallo di Piazza del Popolo, la Soprintendenza Speciale di Roma che in una nota precisa: “Il nuovo restauro sulla chiesa di Santa Maria dei Miracoli, sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza Speciale di Roma, ripristina il colore delle formelle di ardesia che nel `700 l’architetto Carlo Fontana pose sul tetto di entrambe le chiese gemelle di Piazza del Popolo”.

Il colore originale della cupola è, dunque, quello emerso ultimamente che appare ai più stravagante. Non si è trattato dunque di una svista. Non fedele al prototipo sarebbe, al contrario, proprio il colore giallo della cupola della chiesa gemella. “L’intervento fatto invece alcuni anni fa sull’altra chiesa gemella, Santa Maria in Montesanto, detta anche Chiesa degli Artisti, è provvisionale, dunque provvisorio, e per la ristrettezza dei fondi è stato funzionale solamente a mettere in sicurezza il tetto dell’edificio da possibili infiltrazioni. La Soprintendenza auspica nel prossimo futuro un ulteriore intervento che restituisca anche al tetto di Santa Maria in Montesanto il suo originale colore”.

Quest’ultima, finanziata con 491.000 euro, era stata ristrutturata nell’ottobre 2013. La cupola era tornata visibile con il consueto colore giallo. Una seconda fase dei lavori, finanziata dall’azienda Bonduelle, che aveva interessato gli interni si era, invece, conclusa a maggio del 2014.

Check Also

Capodanno 2018, a Roma una festa lunga un giorno

Capodanno 2018, la Festa di Roma Sarà una festa lunga un giorno quella attesa a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X